Quanto è speciale la classica "Offerta speciale" o "Parquet di fine serie"?

È bene dire che in linea di massima, il concetto di “offerta speciale” nasconde appena sotto la superficie una nuova consapevolezza: è necessario uno scomodo adattamento.

È bene dire che in linea di massima, il concetto di “offerta speciale” nasconde appena sotto la superficie una nuova consapevolezza: è necessario uno scomodo adattamento. Adattamento per il cliente finale, costretto ad una scelta alla “meno peggio”. Diventa urgente per il venditore piazzare materiale avanzato o pagato a poco prezzo, quasi sempre con difetti occulti.

Quando troviamo un’offerta speciale, essa esiste sempre a prescindere dalle necessità del cliente, focalizzando il prezzo e non il valore, proponendo prodotti spesso inadatti senza conoscere le necessità di chi li utilizzerà.

Compreresti un’automobile a prezzo scontato sapendo che dal prossimo mese terminerà la produzione, e non sarà possibile ottenere un ricambio?
Il tema, con le dovute proporzioni, è anche questo.

Un buon progetto deve tener conto dell’uso del materiale per molti anni a venire e della possibilità di intervenire su di esso in maniera efficace, incrementando il valore dell’immobile nel tempo, responsabilmente.

Ecco il motivo per il quale in Paral non eroghiamo le cosiddette offerte “speciali”. Semplicemente perché vogliamo essere liberi di proporre al cliente il prodotto e servizio più adatto, preparato per lui, al miglior prezzo.

Siamo convinti di rispettare la persona (non più solo cliente) che in quell’ambiente andrà a vivere: sicuramente a vivere molto bene.

Per questo non serve fare finte “offerte” che riducono il pavimento in legno al solo costo.
Tanto semplice e corretto come bere un bicchier d’acqua!