Pavimenti in legno da esterno: perché scegliere il sistema a griglie?

Con il ritorno della bella stagione sempre più persone guardano con interesse alle possibilità offerte dai parquet per esterni.

Uno dei metodi costruttivi più apprezzati è il cosiddetto “sistema a griglie”. Questo permette di applicare il parquet su qualsiasi pavimentazione già presente – spesso ceramiche, piastrelle, guaine isolanti – andando a creare un vero e proprio nuovo piano in bolla, non influenzato dalle pendenze esistenti.

Anche l’andamento delle acque, fondamentale in un’applicazione spesso a diretto contatto con agenti atmosferici, è ininfluente. L’acqua semplicemente fluisce attraverso il parquet sino agli scarichi, anch’essi facilmente accessibili tramite apposite botole di ispezione.

Il sistema a griglie presenta poi grande rapidità in fase di montaggio e manutenzione e raggiunge elevate garanzie di qualità. Uno dei legni più apprezzati, Accoya, viene garantito 50 anni all’aperto e 25 in completa immersione in acqua dolce o nel terreno.

Il legno, ottimo isolante naturale, si mantiene fresco, a differenza di materiali come piastrelle o cotto che di giorno raccolgono calore e la sera lo restituiscono a ciclo continuo.

Un pavimento in legno da esterno cambia il modo di interpretare i nostri spazi.

L’intero progetto viene coordinato con gli spazi verdi e tiene conto degli aspetti legati all’illuminazione e irrigazione: è un vero e proprio prolungamento, carico di sensazioni, del proprio spazio abitativo da condividere con amici e parenti.

Diverse sono le specie legnose certificate per uso da esterno e tante le opzioni a tua disposizione. Contatta un nostro consulente o visita lo showroom: sapremo guidarti alla scelta del parquet da esterno più adatto per la tua abitazione.